Posted:
Le persone utilizzano i propri telefoni miliardi di volte al giorno, nei momenti in cui cercano informazioni, itinerari e consigli per gli acquisti. In questi momenti, in cui emergono intenzioni molto evidenti, spesso ricorrono alle app per ottenere quello che desiderano. Ad esempio, gli appassionati di corsa potrebbero cercare un'app per calcolare le distanze coperte mentre si allenano per una maratona, gli utenti più golosi potrebbero cercare app che segnalano i nuovi ristoranti di tendenza aperti in città, mentre le persone che prendono spesso l'aereo potrebbero cercare le app dei giochi più popolari con cui intrattenersi durante il viaggio. Infatti, la ricerca è uno dei principali fattori che favoriscono l'installazione di app tramite il Play Store[1].

Per i suddetti motivi stiamo investendo in nuovi sistemi per aiutare gli utenti a scoprire le app con gli annunci associati ai risultati di ricerca su Google Play e in nuove tecnologie innovative per semplificare la gestione delle campagne e ottimizzare le misurazioni per gli sviluppatori.

Vi presentiamo gli annunci associati ai risultati di ricerca su Google Play

Da oggi gli annunci associati ai risultati di ricerca su Google Play saranno a disposizione di tutti gli inserzionisti e gli sviluppatori che pubblicano campagne per l'installazione di app sulla rete di ricerca in AdWords.


Google Play raggiunge oltre 1 miliardo di persone su dispositivi Android in oltre 190 paesi. Grazie a questa eccezionale copertura, gli annunci associati ai risultati di ricerca su Google Play possono fornire ai consumatori nuovi modi per scoprire app che altrimenti avrebbero ignorato e aiutare gli sviluppatori a far conoscere ulteriormente le loro app. Società come Booking.com e Nordeus hanno già esteso la loro strategia di promozione delle App per includere gli annunci sul Play Store.





Ottimizzazione del monitoraggio delle conversioni per Android

Oltre a moltiplicare le opportunità per la promozione delle app, ci siamo impegnati a offrire agli sviluppatori strumenti per il monitoraggio delle conversioni facilmente utilizzabili in tutti i canali e compatibili con qualunque soluzione di misurazione abbiano scelto di utilizzare. Per questo motivo stiamo introducendo le prime aperture di app Android, una nuova soluzione per il monitoraggio delle conversioni che registra le prime attivazioni delle app Android che gli utenti hanno installato dopo aver fatto clic su un annuncio. Oltre a fornire il monitoraggio delle conversioni relative alle app sulla rete di ricerca, sulla Rete Display e su YouTube, questa nuova soluzione permette agli sviluppatori di allineare meglio il volume di conversioni registrato in AdWords ai dati registrati in una soluzione di misurazione di terze parti. Le prime aperture di app rappresentano il tipo di conversione standard per le soluzioni di terze parti, pertanto collaboriamo con partner importanti come Tune, AppsFlyer, Kochava, Adjust e Apsalar per garantire la coerenza dei dati e garantire agli sviluppatori la libertà di utilizzare sia le funzioni di ottimizzazione e i rapporti di AdWords che le soluzioni di terze parti che hanno scelto.

Una soluzione ancora più semplice per diffondere gli annunci per l'installazione di app sulle reti Google

Tra poche settimane, le campagne universali per app semplificheranno ulteriormente la promozione delle app su Google Play e su tutte le proprietà di Google, tra cui rete di ricerca, YouTube, rete in-app di AdMob e oltre 2 milioni di siti sulla Rete Display di Google. È sufficiente che ci indichiate il messaggio dell'annuncio, il pubblico di destinazione, il budget e il costo per installazione target e noi ci occuperemo di tutto il resto.

Mentre l'ecosistema di app continua a crescere, ci impegniamo a creare prodotti che consentano agli sviluppatori di offrire le proprie app a utenti che le apprezzeranno. Ci auguriamo che, grazie alla guida alle best practice aggiornata e ai nuovi strumenti disponibili (pubblicazione degli annunci della rete di ricerca su Google Play, ottimizzazione del monitoraggio delle conversioni su Android e semplificazione della gestione delle campagne con le campagne universali per app), la community di sviluppatori di app realizzi obiettivi ancora più ambiziosi.


Scritto da Surojit Chatterjee, Director, Product Management, Mobile Search Ads

[1] Dati interni di Google, maggio 2015

Posted:
Il vostro feed di dati è un elemento fondamentale per la promozione dei prodotti su Google, in quanto vi consente di catturare l'attenzione degli acquirenti su Google informandoli che avete esattamente quello che cercano. Per aiutarvi a mantenere sempre aggiornati i vostri annunci e a proporvi rapidamente ai nuovi clienti, oggi abbiamo il piacere di annunciare due miglioramenti ai feed di dati di Google Merchant Center:

●      Feed di inventario dei prodotti online: un nuovo tipo di feed che consente di aggiornare rapidamente il prezzo, la disponibilità e il prezzo scontato dei vostri prodotti principali. Questa opzione è particolarmente utile se tali attributi cambiano di frequente.
●      Componente aggiuntivo Fogli Google: l'estensione Fogli che collega il vostro foglio di lavoro direttamente a Merchant Center per consentirvi un caricamento più semplice e veloce. Si tratta di un'opzione particolarmente utile se volete partire subito con gli annunci Shopping.

Sia che usiate Fogli Google sia che usiate formati di file di testo per caricare i vostri prodotti, grazie ai miglioramenti apportati ai feed di dati potete caricare le informazioni più aggiornate sui prodotti in Google Shopping in modo più che mai facile e veloce, e trovare più clienti online.

I feed di inventario dei prodotti online aiutano ad aggiornare rapidamente gli attributi principali
Se i dati relativi a prezzo, disponibilità o prezzo scontato per alcuni o tutti i prodotti cambiano di frequente,
il feed di inventario dei prodotti online rappresenta un nuovo tipo di feed che permette di aggiornare rapidamente questi attributi di prodotto, senza dover inviare di nuovo l'intero feed:

●      Risparmiate tempo grazie a un'elaborazione del feed ancora più veloce. Inviate i nuovi dati relativi a prezzo e disponibilità durante l'intero arco della giornata per aggiornare questi attributi. Potete inviare contemporaneamente aggiornamenti per un piccolo sottoinsieme di prodotti in modo da velocizzare l'elaborazione. Se si verifica un errore durante l'elaborazione del feed di inventario online, ciò non avrà conseguenze su tutto il feed di prodotto.
●      Mostrate agli acquirenti i dettagli di prodotto più accurati. In caso di variazione di prezzi o disponibilità, potete modificare al volo gli articoli interessati, ed avere così informazioni sempre aggiornate su Google Shopping.

Per ulteriori informazioni su come iniziare a usare i feed di inventario online, consultate il nostro articolo del Centro assistenza.

Con il componente aggiuntivo Fogli Google, potete convalidare e caricare il vostro feed direttamente da Fogli Google

Per i rivenditori con un inventario più limitato, i Fogli Google sono un sistema rapido e semplice per iniziare ad usare gli annunci pubblicitari. Se utilizzate i Fogli di Google per caricare il vostro inventario su Google Merchant Center, il nuovo componente aggiuntivo Fogli Google vi semplificherà le operazioni di creazione, caricamento e convalida dei feed:

●        Convalidate i prodotti direttamente da Fogli. La barra laterale del componente aggiuntivo vi permette di convalidare singole righe o l'intero Foglio Google, mostrandovi eventuali errori e avvisi prima del caricamento del vostro feed di dati.
●        Caricate i prodotti direttamente da Fogli. Dalla barra laterale, potete caricare l'intero foglio di calcolo in Merchant Center, senza uscire da Fogli. I risultati del caricamento vengono visualizzati direttamente nella barra laterale, dandovi un feedback immediato sull'elaborazione del feed.


Per ulteriori informazioni su come iniziare a utilizzare il componente aggiuntivo Fogli Google, visitate il nostro articolo del Centro assistenza.

Scaricate questi due nuovi miglioramenti oggi stesso per iniziare subito ad usare Google Shopping e fare del mondo la vostra vetrina.

Pubblicato da Sven Herschel, Product Manager di Google Merchant Center


Posted:
Anche se gli schermi di smartphone e tablet stanno diventando più grandi, digitare con precisione può essere ancora difficile. Capita ancora frequentemente di fare clic al posto di scorrere la schermata oppure di aprire un link o un annuncio involontariamente. Studi recenti hanno stimato che fino al 50% dei clic sugli annunci per dispositivi mobili di tutte le reti è involontario. Questo fenomeno può gonfiare artificialmente le percentuali di clic e i costi degli inserzionisti.

Mentre continuiamo a migliorare i formati degli annunci display per renderli più accattivanti, cerchiamo anche di ottimizzare la qualità dei clic. Nel 2012 abbiamo introdotto i clic confermati sugli annunci banner, per chiedere agli utenti di confermare la reale intenzione di fare clic su un annuncio. Durante l'anno passato abbiamo sviluppato ulteriormente questi annunci, per aumentarne l'automazione e a ridurre sempre più l'intervento degli utenti. Ora, per semplificare ulteriormente l'esperienza, i clic sugli annunci vengono bloccati automaticamente in quei casi che portano frequentemente a clic involontari. Ecco le tre novità che abbiamo realizzato:

  1. Blocco dei clic eseguiti vicini al bordo delle immagini: sugli annunci illustrati per dispositivi mobili, abbiamo appurato che l'area intorno al bordo delle immagini genera spesso clic involontari quando gli utenti cercano di fare clic su contenuti adiacenti o di scorrere la pagina per accedere a contenuti vicini. Ora gli utenti devono fare clic su una parte più centrale dell'immagine, per accedere al sito web o all'app dell'inserzionista.

  2. Blocco dei clic sull'icona delle app: poiché l'icona delle app degli annunci per l'installazione di app è molto vicina al pulsante di chiusura degli annunci, gli utenti non potranno più fare clic su tale icona negli annunci interstitial in-app. Gli utenti dovranno invece fare clic sul pulsante di invito all'azione per visitare la pagina del negozio di app e installare l'app.

  3. Introduzione del ritardo di cliccabilità: gli annunci diventeranno cliccabili solo se rimangono sullo schermo per un breve periodo di tempo. Questo sistema garantisce agli utenti un tempo sufficiente a esaminare i contenuti di un annuncio e contribuisce a eliminare i clic involontari degli utenti che non hanno compreso che si tratta di una pubblicità.

Wayfair_Mobile_Banner.pngSummoners_War_Interstitial_v2.png
Sinistra: bordo esterno di un annuncio illustrato per dispositivi mobili su cui non è possibile fare clic
Destra: icona di un annuncio interstitial in-app su cui non è possibile fare clic


Un'esperienza migliore per utenti e inserzionisti

Queste ultime ottimizzazioni della qualità dei clic migliorano l'esperienza degli utenti che rimangono nell'ambito dell'app o del sito web desiderato e non vengono involontariamente reindirizzati su un'altra pagina. Inoltre, sono vantaggiose per gli inserzionisti, perché riducono i costi dei clic involontari e aumentano i tassi di conversione. Ad oggi, grazie ai clic più qualificati derivanti da queste novità, abbiamo registrato un incremento medio del tasso di conversione del 15% sugli annunci display.

Nel lungo periodo, gli inserzionisti potranno aumentare ulteriormente il rendimento reinvestendo nelle campagne display il budget risparmiato evitando clic involontari. Per ulteriori informazioni sui formati di annunci e sulle campagne display, visitate il Centro assistenza. Inoltre, consultate ulteriori informazioni sulle best practice e sulle ultime norme sul posizionamento nelle app e nei siti web per ottimizzare la qualità dei clic. Per info e domande: https://www.it.adwords-community.com

Posted:
A febbraio abbiamo annunciato gli URL aggiornati, un sistema aggiornato di monitoraggio degli URL per gestire in modo più rapido e semplice gli URL in AdWords. Con questo sistema aggiornato di monitoraggio degli URL, potrete gestire la pagina di destinazione e le informazioni di monitoraggio separatamente grazie ai nuovi campi URL finale e modello di monitoraggio.Guardate questo video per scoprire i vantaggi del sistema aggiornato di monitoraggio degli URL.

A partire dal 1° luglio, tutti gli inserzionisti dovranno iniziare a utilizzare ilsistema aggiornato di monitoraggio degli URL in sostituzione degli URL di destinazione. Se avete già effettuato il passaggio al nuovo sistema, non dovete fare nulla. Se non avete ancora effettuato l'upgrade, continuate a leggere per scoprire cosa accadrà agli annunci* e agli URL a partire dal 1° luglio 2015 e per conoscere quali opzioni sono disponibili.

Che cosa succede a partire dal 1° luglio 2015

A partire dal 1° luglio, avverranno i seguenti cambiamenti:

  1. Non potrete più modificare né creare gli URL di destinazione. I nuovi URL dovranno essere creati utilizzando i nuovi campi degli URL aggiornati.
  2. Gli URL di destinazione verranno automaticamente spostati nel nuovo campo URL finale per tutti i gruppi di annunci dell'account che non contengono URL di reindirizzamento interdominio**. Nel vostro account AdWords, riceverete un avviso che segnalerà eventuali gruppi di annunci per i quali non è stato effettuato il passaggio al sistema aggiornato di monitoraggio. 
  3. Tutti gli annunci con URL di destinazione per i quali non è stato effettuato il passaggio al nuovo sistema aggiornato di monitoraggio cesserano di essere pubblicati nel giro di alcuni mesi. Vi invieremo una notifica via email e un avviso nell'account 30 giorni prima dell'interruzione della pubblicazione degli annunci.

Domande frequenti

Di seguito potete trovare le risposte ad alcune delle domande frequenti sul passaggio al sistema aggiornato di monitoraggio.

D. Devo effettuare l'upgrade se non uso il monitoraggio degli URL o se uso solo la codifica automatica?
R. No, potete attendere il passaggio automatico al sistema aggiornato di monitoraggio che inizierà il 1° luglio. Il nostro sistema sposterà automaticamente gli URL di destinazione nei nuovi campi URL finale e le colonne corrispondenti nei rapporti verranno cambiate per riflettere tali modifiche. La procedura di upgrade automatico non comporterà l'azzeramento delle statistiche sul rendimento degli annunci e per gli annunci non sarà necessaria una verifica della conformità alle norme.

D. Per quali tipi di URL non verrà effettuato automaticamente l'upgrade e verrà poi interrotta la pubblicazione?
R. Gli URL che rientrano in questa categoria sono quelli che contengono quanto segue: reindirizzamenti interdominio, il parametro ValueTrack "{copy}", i parametri di monitoraggio che utilizzano "{}" che non sono un parametro ValueTrack AdWords o un dominio diverso rispetto a quello utilizzato nell'URL di visualizzazione dell'annuncio. Dovete effettuare l'upgrade manuale di tali URL prima del 1° luglio.

D. Come faccio ad eseguire l'upgrade degli URL interdominio?
D. Utilizzate il metodo di base o avanzato consultando la guida all'upgrade per questi URL, assicurandovi di aggiornare sia gli URL in pausa che quelli attivi. Contattate il vostro fornitore di terze parti se avete bisogno di assistenza.

D. Le statistiche degli annunci verranno azzerate durante l'upgrade?
R. Per mantenere le statistiche degli annunci, utilizzate i metodi di upgrade automatico o di base oppure aspettate che venga eseguito l'upgrade automatico degli URL. Le statistiche di rendimento verranno mantenute e per gli annunci non sarà richiesta una verifica della conformità alle norme.

Se per voi non è un problema azzerare le statistiche degli annunci e sfruttare appieno i vantaggi del nuovo sistema di monitoraggio, allora vi consigliamo di utilizzare il metodo di upgrade avanzato. Questo metodo consente di utilizzare i nuovi modelli di monitoraggio e i parametri ValueTrack. Tutte le modifiche apportate dopo l'upgrade non azzereranno le statistiche degli annunci.

A titolo di promemoria, potete sempre accedere allo storico delle statistiche sul rendimento degli annunci rimossi attraverso i rapporti AdWords.

D. Uso il monitoraggio dinamico degli annunci nei miei URL, che cosa devo fare?
R. Dovrete eseguire manualmente l'upgrade degli URL utilizzando il metodo di upgrade di base prima del 1° luglio. Ulteriori informazioni

Per ulteriori dettagli, consultate le Domande frequenti nella nostra guida all'upgrade.

Assistenza per l'upgrade

Sappiamo che questo upgrade richiede un po' di lavoro da parte vostra e siamo qui per aiutarvi. Ecco alcune risorse per aiutarvi a scegliere la migliore opzione di upgrade e per guidarvi in questa procedura.

        Guida all'upgrade: scoprite come effettuare l'upgrade degli URL all'indirizzo https://g.co/ads/upgradedurls
        AdWords Editor 11.1: utilizzate AdWords Editor per effettuare l'upgrade degli URL
        Hangout in diretta: guardate un video con istruzioni passo passo per l'upgrade degli URL tramite bulksheet
        Strumento di creazione URL: create gli URL utilizzando il nuovo formato degli URL aggiornati
        Strumento per il test degli URL: eseguite il test delle pagine di destinazione e dei modelli di monitoraggio 
  HOA sul nuovo sistema di Monitoraggio degli URL


Per info e domande: it.adwords-community.com

Ci auguriamo che possiate avere un successo duraturo con AdWords. Contattateci in qualsiasi momento se avete bisogno di assistenza per questo upgrade.

Scritto da Leo Sei, Product Manager, Google AdWords

*Con il termine annunci si intendono anche tutti gli URL utilizzati in parole chiave, sitelink, target automatici e altre opzioni di targeting disponibili nella rete di ricerca, nella Rete Display e in Google Shopping.

**GLi URL di destinazione che utilizzano i reindirizzamenti interdominio, ovvero gli URL che reindirizzano a un sito che non è il vostro dominio, non sono idonei per l'upgrade automatico. Dovete effettuare l'upgrade manuale degli URL consultando la guida all'upgrade.